Benvenuto sul sito dell'AMNCO !
  


· Home
· Articoli
· Downloads
· Forum
· Giornale
· I Migliori 10
· Il Tuo Account
· Inserisci Articolo
· Link
· Lista Utenti
· Raccomandaci
· Recensioni
· Servizio SMS
· Sondaggi
· Statistiche









In questo momento ci sono, 5 Visitatori e 0 Utenti nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui



• Profilo storico AMNCO

• Statuto dell'AMNCO

• Medicine Non Conv.

• Iscriviti all'AMNCO

• Contatti







"Questionario per la verifica di una intossicazione da Amalgama"

• Il Meteo in Italia

• Qualitą dell'aria

• Ricerca Medici e Odontoiatri

• Pagine Bianche

• Pagine Gialle











Lettera inviata al Senatore Bosone



A.M.N.C.O.
(Associazione per Medicine Non Convenzionali in Odontoiatria)
Via Mar della Cina 304
00144  Roma
Tel/Fax: 06.52.91.244 
segreteria@amnco.it
www.amnco.it

 

Alla c. a. dell’On. Sen. Daniele Bosone
XII  Commissione Igiene e Sanità
Senato della Repubblica

 

Illustrissimo On. Sen. Daniele Bosone,

Intendiamo portare alla Sua Cortese Attenzione uno specifico aspetto scaturente dalla stesura dei 5 Disegni di Legge circa la regolamentazione delle Medicine Non Convenzionali che sono all’esame della XII Commissione Igiene e Sanità per l’elaborazione di un Testo Unico di cui Lei è Relatore.

Tale aspetto, che come AMNCO desideriamo evidenziarLe, alimenta una forte preoccupazione non solo per la Categoria Odontoiatrica tutta, più e meno vicina alle Medicine Non Convenzionali, ma anche per organizzazioni composte primariamente da colleghi Medici Chirurghi vista la loro presenza fra le entità di cui portiamo la voce.

Dei 5 Disegni di Legge solamente uno, il ddl Borghi - atto del Senato n. 848, ddl Assemblea Leg. E-R, Borghi -, prevede anche per i laureati in Odontoiatria, e non solo per quelli in Medicina e Chirurgia e in Veterinaria, la possibilità di accedere ai corsi di formazione riconosciuti e quindi di conseguire un titolo di esperto in una qualche MNC, presupposto essenziale per poterle poi praticare, e comunque di essere inclusi con pari dignità rispetto ai Medici Chirurghi nelle varie forme di rappresentatività previste dalla legge stessa.

Tutto ciò appare inspiegabile e non sappiamo se frutto di disattenzione, disinformazione o, non vogliamo credere, discriminazione. Vogliamo invece pensare che essa sia solamente quella che alcuni hanno definito “una svista”.

In ogni caso, dovendo anche prendere atto dell’inadeguatezza di “una svista” nel disegnare le traiettorie conducenti ad una legge compiuta che interesserebbe gran parte della popolazione italiana, è nostra ferma convinzione, frutto del buon senso, che sarebbe ingenuo e imprudente se la classe odontoiatrica confidasse passivamente sulla sua automatica inclusione nell’elaborazione finale del testo di legge. Ciò anche alla luce di orientamenti mentali e atteggiamenti fattivi, da noi riscontrati, da parte di varie organizzazioni che hanno preso parte all’iter fin qui tracciato autodefinendosi, più o meno legittimamente e appropriatamente, consulenti tecnici, esperti, rappresentanti. Prova ne è che altrimenti la questione in oggetto al momento non sussisterebbe.

Comunque sia, tale circostanza si rivelerebbe assolutamente dannosa in primo luogo per i pazienti che, proprio per patologie come quelle relative all’apparato stomatognatico, ove le MNC risultano oltremodo immanenti e trovano sempre maggiore affermazione, si vedrebbero privati di un’opportunità di cura che sembrano prediligere ognora di più. Inoltre essi sarebbero comunque costretti ad interrompere la continuità di una linea terapeutica scelta perché l’odontoiatra non potrebbe - volendolo fare - formarsi  nelle MNC, e quindi collaborare interdisciplinarmente con altri colleghi  medici. Tutto ciò rivalutato alla luce del fatto che statisticamente le cure odontoiatriche sono quelle a cui ogni paziente ha la necessità di ricorrere maggiormente nell’arco della sua vita.

Queste sono le naturali conseguenze che per prime ci vengono in mente, ma altre contraddizioni si manifesterebbero con certezza se si verificasse questa insensata esclusione. Soprattutto in previsione di una probabile futura separazione degli Ordini ove parecchi Medici dovranno esprimere una opzione.
Sappiamo che una legge è sempre perfettibile, però, anche nel caso in cui si dovesse concretizzare transitoriamente tale quadro, le problematiche emergenti non sarebbero minori.

Ricordiamo che la FNOMCeO nel Documento di Terni sulle MNC del 2002 – la cui presa di posizione è stata riconfermata nel Consiglio Nazionale del 22/2/2007 (www.fnomceo.it, “Medicine e pratiche non convenzionali”) -  specificò come le 9 MNC riconosciute come atto medico siano esercitabili “esclusivamente da parte del medico chirurgo e odontoiatra”, rappresentando quest’ultimo l’unica altra figura legittimata all’atto medico stesso intendendo con ciò l’esercizio di Diagnosi e Terapia seppur con le finalità che gli competono.

Alla luce di tutto quanto sopra esposto Le presentiamo, Sig. Senatore, una mozione ai fini di richiamare la Sua attenzione verso i diritti di pari Dignità, pari Opportunità e pari Rappresentatività proprie della Figura del Laureato in Odontoiatria e Protesi dentale nei confronti dei colleghi Medici Chirurghi in merito all’elaborazione del Testo Unico della Legge di Regolamentazione sulle Medicine Non Convenzionali.

Le richiediamo altresì un incontro per meglio rappresentarLe la nostra istanza, esprimendoLe fin d’ora completa disponibilità a fornirLe tutte le informazioni di cui riterrà necessario avvalersi.

Roma lì,  11/05/2007

Il Presidente AMNCO
Dott. Salvatore Bardaro
Tel/Fax: 06.52.91.244 
Cell: 338.95.61.691

------------

Aderisci alla mozione >>>






Guida Medici Fair Play >>>
Foto >>>







"L'OMS riconosce l'Omeopatia e ne raccomanda l'Integrazione"

"Intervista al Dott. Bardaro"

"Osteonecrosi della mandibola: questioni aperte sui bifosfonati"

"Omeopatia, l'esperienza degli universitari"

"Profilassi antibiotica poco evidence-based"

"Il decalogo per il dialogo medico-paziente"

"Analgesia con agopuntura e ossitocina"

"Omeopatia in corsia"

"Parlamento europeo:
Medicne alternative in programma quadro UE"

"In 'ospedale del futuro' medicina classica e complementare"




"Abolito il Documento Programmatico sulla Sicurezza"

"Documento di Accordo a tutela della Libera Professione e del Paziente, promosso dalla Commissione Albo Odontoiatri Roma e controfirmato AIO, ANDI e COI LAZIO"

"Respinto il profilo dell'Odontotecnico"

"Apertura studi Odontoiatrici"

"Amalgame Dentali: La FDA deve valutare le otturazioni al Mercurio"

"Gratuita la diffusione di musica negli studi medici"

"Stop a nuovi ordini e albi professionali"

"Assegni bancari e circolari: Nuove norme dal 30 Aprile 2008"

"E' reato l'esercizio abusivo della professione medica di omeopata"

"Cassazione, laurea obbligatoria per gli omeopati"

"Medici e visite in zone a traffico limitato, no alla richiesta di dati sui pazienti visitati per annullare le multe"

"Modem installato male: danno esistenziale"

"DIRITTO SANITARIO.
Il tartaro spetta al dentista: Esercizio abusivo dell'attivitą di igienista dentale da parte della segretaria - assistente alla poltrona"





Articolo del Dott. S. Bardaro apparso sulla rivista Natura & Benessere n° 25

"Vai agli articoli precedenti"



"Il Cancro come un Feto: Nuovo Paradigma per la Tesi dell'Imbuto Immunitario - A cura del Prof. Salvatore Bardaro"

"Vai agli articoli precedenti"




Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.



"Vai all'Elenco degli Eventi gią svolti...>>>"




Locandina dell'APO da scaricare stampare e mettere a studio







  
Generazione pagina: 0.194 Secondi
CELLULAR HOSPITAL - Roma